Bugatti ha presentato la sua nuova hypercar. Si chiama Tourbillon ed è, per la prima volta nella storia, un’ibrida. Mantiene un legame con il passato, nello stile, nell’impostazione e anche nel powertrain, continuando a montare un motore a benzina a 16 cilindri (stavolta a V e non a W), seppur aggiungendo a esso ben tre unità elettriche.

Tecnica a parte, c’è un dato che colpisce: quello sull’accelerazione. La sportiva francese, che da sempre è vista come una sorta di riferimento anche nella nicchia delle auto più veloci al mondo, non riesce a battere la Rimac Nevera. Non nello scatto da 0 a 100, per lo meno.

Il paragone tra le due auto sorge spontaneo, considerato che ormai Bugatti e Rimac sono legate a doppio filo, appartenendo allo stesso gruppo guidato da Mate Rimac. Il fatto è che la Bugatti ha sì qualche cavallo in meno, ma è anche più leggera. Ed è anche più recente. Eppure va più piano. Anzi, diciamola meglio: va leggermente meno veloce.

Scontro fra titani

Facciamo un confronto sui dati. La Rimac Nevera pesa 2.300 kg, ha 1916 CV e scatta da 0 a 100 in 1”81. Di più: fa 0-200 in 4”42; 0-300 in 9”22 e 0-400 in 21”31. La Bugatti Tourbillon arriva a 1.995 kg (la Chiron, senza motori elettrici e senza batteria si fermava a 1.950), scarica a terra 1.800 CV e per lo 0-100 impiega un più che onorabile tempo di 2” netti. Richiede meno di 5” per passare da 0 a 200 all’ora, circa 10” per toccare i 300 con partenza da fermo e circa 25” per coprire lo 0-400. Numeri da capogiro, ma un gradino sotto la cugina elettrica.

Bugatti Tourbillon

Bugatti Tourbillon (retro)

C’è una cosa in cui vince: la velocità massima. Arriva a 380 km/h se si tiene il limitatore attivo, ma può portare l’ago del contachilometri a 445 se si attiva la modalità “Speed Key”, che richiede una particolare procedura di accensione con la chiave. La Nevera si ferma a 412 km/h.

  Rimac Nevera Bugatti Tourbillon
Peso 2.300 km 1.995 kg
Potenza max 1924 CV 1.800 CV (1.000 dal V16)
0-100 1"81 2"
0-200 4"42 5"
0-300 9"22 10"
0-400 21"31 25"
Velocità max 412 km/h 445 km/h

Aspettando le versioni da sparo

Dati a parte, sembra che Mate Rimac non abbia voluto superare se stesso. Almeno per ora, visto che tanto nel corso della sua carriera la Bugatti Tourbillon sarà proposta in una serie di varianti ancor più spinte (già immaginiamo la SuperSport o, ancor più su, una sorta di Bolide di nuova generazione).

È anche vero che, stando a certe dichiarazioni del patron del giovane gruppo Bugatti-Rimac, la Nevera potrebbe evolversi in una versione dotata di motore termico (davvero?). A quel punto, quanti cavalli avrà? E come si porrà rispetto alla Bugatti?

Forse un gradino più su, visto che ha un’impostazione più da sportiva dura e pura e non da hyper-granturismo come l’ultima creatura targata Mulsheim (da notare la passione per l’analogico che trasuda dalla strumentazione e dagli altri dettagli interni). E allora sì che potrebbe insidiare i record della Nevera a batteria. Per ora, però, il condizionale è d’obbligo.

Bugatti Tourbillon

Il motore della Bugatti Tourbillon

Interni Bugatti Tourbillon

Gli interni della Bugatti Tourbillon

Interni Bugatti Tourbillon

Il quadro della Bugatti Tourbillon

Sono la stessa auto?

A proposito di condizionale. Per quanto non ci siano ancora notizie ufficiali, guardando alcuni dati tecnici viene da pensare che la piattaforma della Bugatti Tourbillon – che la Casa ha detto essere tutta nuova rispetto a quella dell’attuale Chiron – possa essere la stessa, o comunque molto simile, a quella della Nevera.

Prendiamo il passo: 2,740 metri VS 2,745 metri. Una misura quasi identica, come le altre, del resto. Nella Bugatti la lunghezza è di 4,671 metri, la larghezza di 2,051 e l’altezza di 1,189; nella Nevera la lunghezza arriva a 4,75 metri, la larghezza a 1,98 metri e l’altezza 1,2 metri. Fantascienza? Vedremo. Per ora, restando alle informazioni ufficiali, sappiamo che la Bugatti non è più la prima della classe. Almeno non quando si parla di scatto puro. Ah, costa il doppio dell’altra. Per quanto vale.

Fotogallery: Bugatti Tourbillon