Dopo lo tsunami Coronavirus contenere i costi diventa essenziale e unire le forze aiuta sinergie e ottimizzazioni: ecco le prospettive

Accordo chiuso tra Ford e Volkswagen. Nel senso che le due Case hanno firmato un documento con cui si impegnano a sviluppare insieme auto elettriche e guida autonoma. La nuova alleanza è finalmente realtà, con l’obiettivo dichiarato di condividere gli investimenti per lo sviluppo di nuove tecnologie e contrastare le cariche di concorrenti agguerriti con Tesla e General Motors.

Lo ha spiegato lo stesso Jim Hackett, CEO della Casa dell’Ovale Blu: “Questa partnership ci dà la grande opportunità di spingerci verso la mobilità del futuro con vigore anche in un periodo come quello attuale, in cui le Case devono essere selettive nell’allocare il proprio denaro”. Insomma, un'alleanza che consentirà di non rallentare sull'auto elettrica, favorendo lo sviluppo di tutto il settore.

Più EV condividendo i costi

Restando in tema di auto a zero emissioni, si sa da tempo che alcune Ford a batteria destinate all’Europa (è cambiato tutto dai tempi del “One World One Ford”) nasceranno sulla base della piattaforma Volkswagen MEB. Il primo veicolo di questo tipo, atteso per il 2023, non c'entra nulla con la Mustang Mach-E: sarà progettato dalla divisione Ricerca e Sviluppo che la Casa dell’Ovale Blu ha a Colonia in Germania. Qui un primo rendering di come potrebbe essere.

Fotogallery: La piattaforma MEB di Volkswagen

“Sinergie a parte – ha spiegato ad Automotive News Stuart Rowley, presidente di Ford Europe – siamo molto concentrati sul fatto che queste auto saranno Ford al 100%: avranno l’aspetto di una Ford, si guideranno come una Ford e saranno costruite da Ford”.

Dopo una precisazione quasi di rito, Rowley però ha dato informazioni interessanti riguardo alla strategia. E ha ammesso che dopo il primo veicolo elettrico su base MEB, probabilmente ne vedrà la luce un secondo.

Ford frequenta anche Rivian

Ford e Volkswagen investiranno anche 4 miliardi di dollari sulla guida autonoma attraverso la Argo AI, società in cui hanno pari partecipazione. Ma dispositivi di ausilio alla guida a parte, è interessante notare come l’avvento dell’elettrificazione abbia costretto le Case a ripensare in toto le strategie.

Rivian Amazon electric delivery truck on road

Restando in casa Ford, ad esempio, non c’è solo Volkswagen tra i partner. La Casa dell’Ovale Blu, infatti, nel 2019 ha investito ben 500 milioni di dollari in Rivian, startup americana di veicoli a zero emissioni che vede tra i finanziatori più generosi anche tal Jeff Bezos, che ha mostrato fiducia nella società ordinando ben 100.000 furgoni elettrici per le consegne di Amazon.