L'asso nella manica della Casa è la piattaforma LEAP, che consente un'autonomia di oltre 830 km con una batteria da "soli" 113 kWh

Ormai ci siamo: la presentazione della Lucid Air è in programma per il 9 settembre, una manciata di giorni prima del Battery Day di Tesla. Nel frattempo però continuano a filtrare succose informazioni su questa berlina elettrica che vuole fissare nuovi standard per la auto a batteria.

E così, dopo i dati impressionanti su aerodinamica e velocità massima, sull’autonomia e sui tempi di ricarica, ora siamo in possesso dei numeri - sorprendenti anch’essi - sulla batteria. E non solo.

Non è enorme!

Quando dal quartier generale della Casa hanno annunciato la capacità della Air di percorrere più strada di qualsiasi altra elettrica in circolazione (o in arrivo), sono state tante le ipotesi sulla dimensione della batteria adottata. 

Fotogallery: Lucid Air, concept official photo

Confrontandola con quella della Tesla Model S, acerrima rivale della Lucid, calcolando percorrenze e consumi (qui il confronto allargato anche alla Porsche Taycan) si era ipotizzato che per arrivare ad omologare sul ciclo EPA un valore di 832 km potesse avere una batteria da circa 130 kWh. E invece no.

Più efficiente

Ora trapela infatti che non si va oltre i 113 kWh: un ottimo risultato per un modello dalle dimensioni più che generose (4,97 metri di lunghezza), una potenza complessiva di circa 1.000 CV e la capacità di scattare da 0 a 100 in soli 2”5.

Il che significa che rispetto proprio alla Tesla Model S - prima elettrica ad aver infranto il muro delle 400 miglia grazie a una batteria da 100 kWh - la Lucid Air ha un’efficienza migliore addirittura del 13,8%.

La piattaforma LEAP

La spiegazione ufficiale di questo risultato risiede nella piattaforma LEAP (Lucid Electric Advanced Platform), progettata da zero in funzione della batteria che avrebbe dovuto ospitare e delle prestazioni che avrebbe dovuto raggiungere, con una particolare attenzione alle masse in gioco. 

Lucid Air Beta Prototype Body Structures

“Sarebbe stato più facile aggiungere celle su celle - ha detto il CEO di Lucid, Peter Rawlinson - ma avremmo dovuto affrontare un’impennata del peso e dei costi e saremmo stati costretti a sacrificare lo spazio a bordo”. 

Tantissimo spazio

Invece, progettando tutto in modo coordinato, adottando un'inedita disposizione delle celle e un avanzato sistema di raffreddamento, in Lucid sono riusciti ad ottenere un’efficienza sorprendente con un relativo contenimento delle dimensioni della batteria.

Lucid Air concept

Tornando allo spazio interno, oltre ad un’abbondante abitabilità per gli occupanti, sulla Air si è ricavato un bagagliaio anteriore da oltre 280 litri, che equivale all’89% in più del benchmark di categoria e al 40% in più di ogni altra elettrica sul mercato. E considerando quello posteriore la capacità di carico complessiva è addirittura di 739 litri.