Stellantis è pronta a presentare la strategia per l’elettrificazione. Lo fa oggi 8 luglio, giorno del suo EV Day 2021. Come il Tesla Battery Day o come il Volkswagen Power Day, tanto per citare due iniziative simili.

L’evento sarà mostrato in streaming a partire dalle 14.30 e vedrà tra i protagonisti anche lo stesso Carlos Tavares, amministratore delegato del gruppo italo-francese. Tavares coglierà l’occasione per presentare le mosse con cui Stellantis sosterrà una mobilità “pulita, sicura e conveniente”. Per ora non sono stati dati ulteriori dettagli, ma cosa possiamo aspettarci?

I punti dell'evento

A poche ore dall'avvio della diretta, Stellantis ha rilasciato un comunicato in cui detta la scaletta degli argomenti che saranno toccati. Ce n'è davvero per tutti.

  • Gli investimenti nelle tecnologie di elettrificazione e nel software connesso
  • Il mantenimento di livelli di efficienza grazie alle sinergie ricavate dalla fusione
  • I prodotti elettrificati come veicolo per valorizzare il carattere di ogni marchio del gruppo
  • L’offerta di una gamma completa di soluzioni e servizi per clienti privati, aziende e flotte
  • Piattaforme BEV-by-design e moduli di propulsione elettrica flessibili
  • Batterie per EV all’avanguardia in termini di costo ed efficienza energetica

La questione Gigafactory

La speranza è che si sciolga anche uno dei nodi chiave nelle strategie del gruppo: quello della location su cui sorgerà la Gigafactory italiana. Tavares potrebbe dire qualcosa di più ma secondo le ultime indiscrezioni l'annuncio potrebbe non arrivare oggi. Tra le ipotesi più calde c’è Mirafiori, visto che lo storico stabilimento torinese ha una parte ormai dismessa e che sta già diventando un polo per la e-mobility e le nuove tecnologie.

La Gigafactory italiana, che si somma a quelle che Stellantis sta avviando in Francia e Germania grazie ad ACC, joint-venture tra il gruppo PSA e Total, sarà solo uno dei prossimi passi che il gruppo farà in questa direzione. L’idea, infatti, è di arrivare presto a sei siti produttivi di batterie tra Europa e Stati Uniti.

Batterie PSA Total

Le piattaforme

Elettrico, sempre più spesso, fa rima con piattaforme. Stellantis al momento, per i suoi modelli a zero emissioni, si affida o alla multialimentazione e-CMP, su cui nascono le elettriche di origine francese, o alla piattaforma della Fiat 500 elettrica. Per il futuro sono già previste piattaforme dedicate. Stando a quanto affermato in passato, potrebbero essere quattro.

  • Segmento A e B, con autonomie fino a 500 km
  • Segmento C e D, con autonomie fino a 600 km
  • Segmento D ed E, con autonomie fino a 800 km
  • SUV e pick-up, con autonomie fino a 800 km 

Una rivoluzione necessaria e comune a molti gruppi che permetterà a Stellantis di proiettarsi in modo competitivo nel futuro. La speranza è che con l’EV Day il gruppo mostri date e dettagli dei modelli che ha intenzione di introdurre per rinnovare una gamma che Tavares vuole sempre più elettrificata.

“Nel 2021 il 14% delle auto vendute in Ue da Stellantis sarà elettrificato - ha dichiarato in passato - L’obiettivo è che questa percentuale salga al 38% nel 2025 e al 70% nel 2030”.

Fiat Mirafiori: dove nasce la 500 elettrica

Tra partnership e strategie

È possibile però che più che sulle singole auto l'EV Day sia sfruttato per parlare di strategie, accordi con i fornitori, riorganizzazione dei poli produttivi per abbassare i costi e incrementare i margini. In questo senso sarà interessante capire da chi saranno acquistate in futuro le batterie, come sarà organizzata la partnership con Foxconn e se ci sono altre collaborazioni all'orizzonte.

Non è detto che ci siano risposte a tutte queste domande, ma nulla esclude neanche che si colga l'occasione per tirare fuori il classico coniglio dal cilindro. In fondo Tesla lo ha fatto con le celle 4680, e Volkswagen con le batterie "universali". Staremo a vedere.