Lungo il cammino che la porterà a essere un costruttore di auto solamente elettriche entro il 2030, Volvo si impegna ad aiutare gli automobilisti che sceglieranno o hanno già scelto le batterie. Tra le varie iniziative della Casa c’è ora quella di trasformare la sua app in uno “sportello unico”.

Cosa significa? Che la nuova versione integrerà nuove funzioni di ricarica e opzioni di pagamento, che il costruttore sta aggiungendo attraverso una serie di partnership. “Ricaricare un’auto Volvo puramente elettrica non è mai stato così facile”, scrive la società.

Oltre 270.000 punti di ricarica

Stando all’azienda svedese, infatti, dall’app i clienti “possono trovare centinaia di migliaia di stazioni di ricarica pubbliche in tutto il mondo gestite da una vasta gamma di operatori”. Poi gli automobilisti “ricevono anche informazioni in tempo reale sulla disponibilità delle colonnine e pagano per la sessione attraverso un’unica interfaccia”. Certamente una comodità.

Foto - Volvo trasforma l'app in uno sportello unico

Per quanto riguarda l’Europa, la Casa fa sapere che i clienti “possono scegliere tra oltre 270.000 punti di ricarica grazie all’integrazione di Plugsurfing nell’app Volvo Car, che consente il roaming in tutto il continente. Ci sono ulteriori collaborazioni nei singoli Paesi europei, come Mer in Svezia e Norvegia, Iberdrola in Spagna e Powerstop in Polonia, Italia e Belgio”.

Basta ostacoli

“Molti di noi hanno familiarità con la frustrazione di dover navigare in più app e utilizzare le carte di diversi operatori di ricarica”, dichiara Olivier Loedel, responsabile dell’Electrification Ecosystem di Volvo. “Il nostro obiettivo è di rimuovere uno dei principali ostacoli al passaggio alle auto elettriche. Con la nostra app creeremo una piattaforma di ricarica digitale”.

Fotogallery: Foto - Volvo trasforma l'app in uno sportello unico