Anche Lufthansa si dà ai velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale. Lo fa siglando un memorandum d’intesa con Lilium, società tedesca che proprio di eVTOL si occupa.

Con la firma di questo accordo preliminare le due società teutoniche avvieranno una collaborazione mirata a esplorare varie opportunità di innovazione nel settore dell’aviazione. La ricerca si concentrerà su numerosi campi: le operazioni di terra e di volo; la manutenzione degli aeromobili a zero emissioni; la progettazione di nuove infrastrutture; la messa a punto di tutte le attività di formazione e addestramento degli equipaggi.

L'aviazione del futuro

Lufthansa e Lilium chiameranno in causa anche altre realtà legate al mondo del trasporto aereo (partner regionali e aeroporti) per creare un ecosistema completo che consenta di affrontare in modo coerente e competente le sfide legate all’aviazione green. Tra le priorità c’è anche quella di definire i processi operativi necessari per garantire elevati standard qualitativi e di sicurezza.

Detlef Kayser, alla guida del settore tecnologico del Gruppo Lufthansa ha così commentato il memorandum firmato: “Vogliamo portare l’aviazione verso il futuro e guidare la trasformazione del settore. Questo Memorandum of Understanding con Lilium darà un importante contributo perché si raggiungano gli obiettivi fissati in questo ambito. Non vediamo l’ora di esplorare opportunità e possibilità per offrire voli eVTOL ai clienti del gruppo”.

 

Obiettivo: carbon neutral

Lufthansa, al momento, può contare su una flotta di 700 aerei commerciali che sta progressivamente aggiornando per rendere le proprie operazioni più efficienti. Come gruppo, si è posta l’obiettivo di dimezzare le proprie emissioni di CO2 entro il 2030 rispetto ai valori del 2019 e di raggiungere la completa neutralità carbonica entro il 2050.

Il percorso verso la sostenibilità di Lufthansa

  • 2030: dimezzare le emissioni di CO2
  • 2050: diventare carbon neutral

Lilium, dal canto proprio, ha appena iniziato la produzione del suo Lilium Jet. Si tratta di un velivolo elettrico a zero emissioni le cui prime sette unità saranno utilizzate per ottenere le certificazioni necessarie ad avviare la sperimentazione al volo da parte della EASA, l’agenzia europea per la sicurezza aerea.

Fotogallery: Lilium Phoenix 2