Cos'hanno in comune un cambio manuale e uno automatico a due marce? Entrambi si possono trovare su un'auto elettrica. Già, perché il mondo dei cambi sulle auto a batteria sta diventando molto più variegato e complesso rispetto a quello di pochi anni fa.

I Costruttori stanno sperimentando (o hanno già implementato) nuove soluzioni, tra chi ricerca una maggiore efficienza e chi punta a trasmettere il feeling vecchia scuola della classica cambiata. Approfondiamo, quindi, la conoscenza delle varie tipologie dei cambi presenti sulle auto elettriche. 

I cambi "monomarcia"

Prima di spiegare i cambi più originali, è giusto capire perché la stragrande maggioranza delle auto elettriche utilizza ancora trasmissioni a una singola marcia. Uno dei motivi è legato alla storia della prima Tesla Roadster, i cui primi prototipi furono equipaggiati con un cambio a più marce.

Tuttavia, questi esemplari tendevano a rompersi piuttosto facilmente e fu per questo che la Casa americana ne abbandonò lo sviluppo concentrandosi sulle trasmissioni a singola marcia. Di fatto, queste ultime sono diventate una sorta di standard per tutto il settore, finché alcuni brand hanno cominciato a introdurre alcune importanti novità.

Jeep Wrangler Magneto 3.0 Concept

Jeep Wrangler Magneto Concept

Di per sé, il cambio a una sola velocità è più compatto e meccanicamente più semplice. A differenza delle auto con motore termico, non c'è bisogno di mantenere il motore "al minimo", mentre la coppia di picco è disponibile quasi da zero giri/minuto fino a un regime molto elevato.

Inoltre, la maggior parte dei veicoli elettrici è dotata di una frizione o di una sorta di meccanismo di disaccoppiamento per consentire il coasting (il "veleggiamento" quando si alza il piede dall'acceleratore") e recuperare un po' di energia.

Gli esperimenti, il presente e il futuro

Uno degli esempi più curiosi di cambi "originali" è quello della Jeep Wrangler Magneto 2.0, un concept mostrato durante l'Easter Jeep Safari del 2022 dotato di un cambio manuale a 6 marce derivato da una Dodge Charger Hellcat.

Porsche Taycan (2021)

Porsche Taycan 

Audi RS e-tron GT

Audi RS e-tron GT

Ma ci sono anche altri casi, come la Porsche Taycan e l'Audi e-tron GT, due ammiraglie sportive accomunate dalla piattaforma e da un cambio automatico a due velocità sul motore posteriore, progettato dallo specialista tedesco delle trasmissioni ZF

Inoltre, si pensa che anche Mercedes introdurrà un cambio a due velocità nella nuova berlina elettrica CLA, prevista per la fine del 2024, e in altri nuovi veicoli elettrici successivi.

I cambi "simulati"

Non è finita qui, perché c'è anche la tipologia dei cambi con "ingranaggi simulati". A questa categoria appartiene la Hyundai Ioniq 5 N, che simula una trasmissione a 8 rapporti "tagliando" momentaneamente la coppia tra una cambiata e l'altra. Anche se non ci sono vantaggi in termini di prestazioni, la sensazione di guida si avvicina molto a quella di un'auto con motore termico dotata di un classico cambio con paddle al volante.

Dodge è un altro Costruttore che potrebbe introdurre nei suoi veicoli elettrici un cambio simulato simile a quello di Hyundai e potrebbe abbinarlo a un generatore di suoni esterno simile a quello della Abarth 500e.

Z8S_9069

Lexus UX con cambio manuale

Toyota ha fatto un passo avanti rispetto a tutti gli altri con le sue marce simulate e ha mostrato un filmato di test di un'auto completamente elettrica con un terzo pedale e un vero cambio manuale. Toyota ha modificato un prototipo basato sulla Lexus UX aggiungendo una frizione, tanto che il sistema è stato progettato per simulare un rumore fastidioso se si lascia la frizione troppo velocemente. Oltre a ciò, il veicolo simulerà persino lo stallo.

Toyota lo immagina come una soluzione da attivare quando si desidera un'esperienza di guida più coinvolgente. Anche BMW starebbe pensando di sviluppare qualcosa di simile alla simulazione del cambio manuale di Toyota, ma i bavaresi vorrebbero anche che la leva restituisse alcune leggere vibrazioni, per un ulteriore livello di coinvolgimento.

Insomma, nei prossimi anni le cose sono destinate a cambiare, in tutti i sensi.

Fotogallery: Hyundai Ioniq 5 N