La big coreana ha concluso le sperimentazioni su un velivolo che ha viaggiato per 13 ore fino a 22 km di altitudine: ecco com'è andata

LG Chem ha appena annunciato di aver concluso con successo una sessione di volo ad alta quota con un velivolo alimentato dalle proprie batterie al litio-zolfo, tecnologia considerata da molti osservatori tra le più promettenti per il futuro dello storage.

L'ipotesi di Elon Musk, secondo cui gli aerei elettrici saranno possibili entro qualche anno, quando si aspetta una densità delle batterie di 400 Wh/kg sembra quindi essere meno peregrina di quanto potesse sembrare. E chi sa che ne penserà Bill Gates, che se da un lato sostiene con forza la eMobility in ambito privato, per il trasporto pesante e aereo si è scontrato proprio con Elon Musk.

Questione di densità

L'aereo in questione, chiamato EAV-3, è stato sviluppato dall'Istituto di Ricerca Aeronautica della Corea del Sud, ha un'apertura alare di 20 metri e una lunghezza di 9. È stato alimentato da celle che rappresentano lo stato dell'arte della tecnologia, potendo contare su una densità di almeno il 50% superiore ai livelli medi attuali. 

L'azienda non ha dato un dato oggettivo al riguardo, ma si può supporre un valore di poco lontano dai 400 Wh/kg di cui sopra.

13 ore in volo, fino a 22.000 metri

LG Chem ha commentato i risultati del test dicendo che le batterie al litio-zolfo hanno mostrato stabilità nei cicli di carica/scarica anche in condizioni limite come quelle incontrate nella stratosfera (che si estende tra i 12 e 50 km di altitudine), dove si raggiungono temperature di -70 gradi e una pressione di 25 volte minore rispetto a quella al suolo.

L'EAV-3, che è stato progettato per volare di notte, ha raggiunto un'altitudine di 22 km, stabilendo un nuovo record per un velivolo alimentato a batterie litio-zolfo. Ha volato per 13 ore e, di queste, ne ha passate 7 ad altitudini superiori ai 12 km, dove gli aerei convenzionali non si spingono. 

IBM pronta a produrre batterie senza cobalto

Punti di forza (e debolezze)

Ora LG-Chem è al lavoro per testare voli di lunga durata, che possano durare anche diversi giorni e diverse notti. Questo permetterà all'azienda coreana di raccogliere ulteriori informazioni sulle celle al litio-zolfo, che vorrebbe produrre in massa entro il 2025, offrendo celle con densità di circa 500 Wh/kg, praticamente doppia rispetto alle celle agli ioni di litio attuali. 

Sarà interessante capire, però, se le batterie al litio-zolfo di LG Chem saranno in grado di superare anche quei limiti che ad oggi non le rendono adatte per le auto elettriche. Principalmente la scarsa potenza che sono in grado di erogare e la poca durata media. Staremo a vedere.

E intanto, sempre parlando di batterie, nell'immediato aspettiamo tutti di capire cosa tirerà fuori dal cilindro Elon Musk al Battery Day del 22 settembre, su cui abbiamo iniziato a raccogliere tutte le ultime indiscrezioni.