Prende vita a Torino l'ultimo progetto di Farinetti tutto incentrato sul rispetto dell'ambiente

Viviamo nella società dei consumi. Una società che ci ha portato a raddoppiare i livelli di CO2 in atmosfera in poco più di un secolo. La necessità di un cambiamento è necessaria, ed è riconosciuta a livello planetario. Sull’onda del cambiamento verso uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente a Torino nasce Green Pea, un luogo dove il consumo si trasforma in consumo sostenibile.

Tante sono le aziende coinvolte nel progetto che ha portato alla nascita di quello che è definito il primo green retail park del mondo. Tra queste FCA, lanciatissima nell'elettrico con la nuova 500 (e che sfrutta anche una forte “vicinanza geografica”), ed Enel X, player di primo piano della transizione energetica, nella mobilità e non solo.

Un nuovo concetto di sostenibilità

Green Pea aprirà ufficialmente i battenti il 9 dicembre. Sarà una sorta di centro commerciale sostenibile sotto ogni punto di vista: quello architettonico, visto che per i rivestimenti esterni e i pavimenti ha usato sono alberi caduti per cause naturali; quello energetico, potendo contare su pozzi geotermici, pannelli solari e altre tecnologie per il recupero dell’energia; e quello dei prodotti esposti, tutti realizzati con materiali riciclati o riciclabili e con processi a basso impatto ambientale.

Fotogallery: Green Pea

FCA in prima linea

Green Pea, opera mastodontica voluta dalla famiglia Farinetti (in particolare da papà Oscar e dal figlio Francesco), coinvolge circa 100 aziende e ha richiesto un investimento di 100 milioni di euro, non poteva non guardare anche alla mobilità elettrica.

Sorgendo a soli 200 metri dallo storico stabilimento Fiat del Lingotto, dove il prossimo anno sarà inaugurata Casa 500, è naturale il legame proprio con la Casa di Torino, che al pian terreno ha allestito un ampio spazio espositivo ai propri modelli elettrificati: la Fiat 500 elettrica, ma anche le Jeep Compass e Renegade 4xe, la concept Centoventi e, quando arriverà a fine 2021, la prima Alfa Romeo elettrificata della storia: la Tonale.

Fotogallery: FCA e-Village

Non solo auto

“Nei 1300 metri dell’e-Village – ha detto Olivier Francois, presidente di Fiat e a capo del marketing di FCA, durante la cerimonia di inaugurazione – non vogliamo solo esporre delle auto. Questo è il luogo ideale per raccontare il nuovo volto ella mobilità”.

L'e-Village rappresenterà in effetti una sorta di vetrina anche per dare visibilità alle nuove app, alle tecnologie legate alla transizione energetica, alle nuove soluzioni di acquisto, di noleggio o di sharing di cui la Fiat 500 elettrica è protagonista, ma che interesseranno sempre più modelli.

Colonnine Enel X

Anche Enel X è partner di Green Pea. La collaborazione tra le due aziende è visibile già dall'esterno dell'edificio, dove sono state installate 22 colonnine di ricarica. Ma dentro Enel X avrà uno spazio dedicato dove punterà ad offrire soluzioni adatte a rendere sostenibile ogni ambito della quotidianità: la mobilità, le imprese, le città.

FCA e-Village

“La nostra presenza in Green Pea – ha detto Augusto Raggi, numero uno di Enel X Italia – vuole dimostrare come fare un passo nel futuro sia ormai un gesto naturale".

In Green Pea, ha concluso, "mostriamo come la sostenibilità non sia soltanto da vedere come un obiettivo da perseguire, ma come un valore aggiunto che arricchisce ogni nostra scelta al fine di cambiare in meglio ogni aspetto della nostra vita, dai piccoli gesti quotidiani alle grandi opere: la circolarità, la tutela dell’ambiente e il vivere green non sono più concetti astratti, ma soluzioni concrete per migliorare la vita di tutti noi, tutti i giorni".