Con l'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca gli Stati Uniti hanno accelerato sull'auto elettrica. E così, se negli ultimi 10 anni sul territorio americano è stata costruita una manciata appena di fabbriche di batterie, nei prossimi anni dovrebbero vedere la luce parecchie nuove Gigafactory.

Il Dipartimento dell'Energia statunitense ha infatti elencato 13 progetti che dovrebbero vedere la luce da qui al 2026. Alcuni già in stato avanzato di lavorazione, altri ancora agli albori, cambieranno per sempre l'industria automobilistica americana.

external_image

Non solo americani

In una lista divulgata dall'amministrazione Usa si leggono progetti che nascono su iniziativa di Case americane, spesso con partner stranieri come SK Innovation o LG Energy Solution, ma si trovano anche iniziative di Case straniere come Toyota e Volkswagen. Facciamo il punto.

  • Ford e SK Innovation
    1) Stanton, Tennessee - Blue Oval City (43 GWh) - 2025
    2) e 3) Glendale, Kentucky - Blue Oval SK Battery Park (43 GWh ciascuno) - 2025
  • Ultium Cells (GM e LG Energy Solution joint venture)
    1) Lordstown, Ohio (30+ GWh) - 2022
    2) Spring Hill, Tennessee (30+ GWh) - 2023
    3) e 4) in via di definizione
  • SK Battery America (sussidiaria di SK Innovation)
    1) Commerce, Georgia - Stabilimento 1 (9,8 GWh) - 2022
    2) Commerce, Georgia - Stabilimento 2 (11,7 GWh) - 2023
  • Stellantis e Samsung SDI (joint venture)
    1) in via di definizione (23 GWh con possibilità di arrivare a 40 GWh) - 2025

300 GWh in 4 anni

Un rapido sguardo a questa lista fa intuire che Oltreoceano, tra 4 anni, la produzione interna di batterie dovrebbe arrivare a 300 GWh all'anno. Questo, senza tenere conto di Tesla.

La Casa di Elon Musk, che al momento con la Gigafactory Nevada può ancora vantare il più grande impianto per la produzione di batterie del Nord America (e non solo), potrebbe presto annunciare la realizzazione di una seconda fabbrica in Texas dedicata alla realizzazione delle celle 4680. Potrebbe trattarsi di uno stabilimento in grado di superare i 100 GWh di produzione annua una volta a regime. 

Tesla Model Y: celle cilindriche tipo 4680 e batteria strutturale (fonte: Paul Kelly)

Le fabbriche Toyota e VW

A fianco di questi progetti, ce ne sono altri, come quello di Toyota e Volkswagen, che si concentreranno invece sulla produzione di moduli e di pacchi batteria utilizzando celle provenienti da altri stabilimenti.  

Toyota, in particolare, con la Toyota Tsusho joint venture realizzerà entro il 2025 un complesso chiamato Megasite a Greensboro, in North Carolina. Volkswagen farà altrettanto entro il 2022 a Chattanooga, in Tennessee, a fianco della fabbrica dove attualmente produce la ID.4.