Anche Stellantis cede al fascino della ricarica wireless. Il gruppo automobilistico italo-francese stringe infatti una partnership con Hevo, società statunitense con sede a Brooklyn, specializzata proprio nella ricarica delle auto elettriche per induzione.

Le due aziende hanno avviato la collaborazione per esplorare le opportunità offerte dalla ricarica senza fili in termini di prestazioni e facilità di utilizzo. L’idea, infatti, è quella di offrire presto agli automobilisti che guidano un’auto elettrica di uno dei brand di Stellantis un’esperienza di ricarica ancor più efficiente e appagante.

Efficienza al 95%

Affinché questo accada, Stellantis e Hevo devono lavorare insieme sia sulle piastre che saranno posizionate a terra sia ai dispositivi presenti a bordo delle vetture. Al momento, la tecnologia sviluppata da Hevo ha già prestazioni più che soddisfacenti, garantendo perdite inferiori al 5% nel passaggio di energia dalla rete alla batteria. Con un’efficienza del 95%, i metodi Hevo sono già conformi agli standard di ricarica SAE e UL.

 

Da 3 a 50 kW entro l’anno

Stellantis (che ha da poco inaugurato le prime colonnine della propria rete ultrafast) avvierà la sperimentazione della ricarica wireless a partire dalle flotte di veicoli commerciali elettrici e ibridi plug-in che operano nel campo della logistica e delle auto di proprietà di persone disabili, che potranno così sfruttare al massimo i vantaggi di questa tecnologia, che non necessita che un cavo venga inserito in una presa di corrente.

Al momento, la prima vettura a essere dotata di sistema wireless è una Chrysler Pacifica plug-in hybrid sulla quale si sta testando la ricarica di Livello 2 (con potenze comprese tra i 3 e i 19 kW) ma entro l’anno si riuscirà a testare sistemi con potenze fino a 50 kW.