Al Festival dell’eMobility il brand tedesco mostrerà le sue soluzioni per la mobilità green

A muoversi verso un futuro della mobilità quanto più possibile eco-sostenibile non sono soltanto i costruttori automobilistici, ma anche tante aziende dell'indotto. Una su tutte Bosch, che proprio in quest'ottica prenderà parte ad e_mob, il Festival dell’eMobility in programma da giovedì 26 a sabato 28 settembre presso il Palazzo della Regione a Milano. La manifestazione rappresenterà un palcoscenico importante per il Bosch sul quale mostrare le sue attuali e future soluzioni per la mobilità a basso impatto ambientale.

Attenzione per la e-bike

L'azienda tedesca riserverà grande attenzione alla e-Bike, con un ampio spazio dedicato e la possibilità per il pubblico di effettuare prove. Le e-Bike, per quanti ancora non lo sapessero, sono le biciclette a pedalata assistita in grado di arrivare a 25 km/h con l’ausilio elettrico, un valido mezzo di locomozione in ambito urbano.
 

Impegno a tutto campo per elettrificazione

Bosch però non è impegnata solo sulle eBike, la multinazionale specializzata in componentistica è in grado di svolgere un ruolo di primo piano nell'elettrificazione della mobilità, dalle bici a pedalata assistita alle vetture elettriche e la gestione delle batterie, passando per i sistemi mild-hybrid a 48 Volt. Bosch ad esempio con la sua tecnologia è in grado di fornire alle case automobilistiche e-axle, che racchiude in un’unica unità elettronica di potenza motore elettrico e trasmissione, facilmente adattabile a molte vetture e veicoli leggeri. Puntiamo l’attenzione sui sistemi a 48 volt e sulla gestione delle batterie.
Bosch

L’ibrido a 48 Volt

I sistemi a 48 Volt sono destinati a diventare lo standard nella prossima produzione automobilistica, la spinta elettrica a 48 Volt permetterà infatti di ottenere minori consumi ed emissioni dal motore termico grazie all’energia incamerata nelle fasi di decelerazione e frenata. Secondo le previsioni di Bosche entro il 2025, circa il 20% delle nuove autovetture adotterà questo sistema ibrido. In quest’ottica si inserisce l’accordo stipulato col costruttore di batterie CATL per la realizzazione delle celle per le batterie a 48 volt di Bosch.
 

La gestione delle batterie col cloud

Bosch è impegnata a ottimizzare la gestione delle batterie, che sono sottoposte a deterioramento col passare del tempo e l’utilizzo. L’azienda tedesca intende sfruttare il cloud per allungare la vita delle batterie. Tramite la trasmissione di dati in tempo reale nel cloud sarà possibile vedere lo stato di usura delle batterie e intervenire per ottimizzarne l’utilizzo. Sappiamo che la vita delle batterie è influenzata dalle abitudini di ricarica, dalle temperature estreme e dallo stile di guida. Dall’analisi di tutti questi dati tramite appositi algoritmi Bosch ritiene di poter migliorare la durata nel tempo delle batterie, il componente più costoso di un veicolo elettrico.