Germania croce e delizia per Elon Musk. Da una parte le "bacchettate" su Autopilot e fine vita delle batterie, dall'altra la grande considerazione delle massime autorità del Paese, Merkel in testa.

Musk sta andando spessissimo in Germania. Prima per i suoi originali colloqui di lavoro e per partecipare alla conferenza europea sulle batterie. E ora dovrà tornarci nuovamente per ricevere l’Axel Springer Award, premio che gli sarà consegnato il 21 dicembre a Berlino in riconoscimento delle sue doti imprenditoriali: “Per essere uno degli imprenditori più creativi e degli ingegneri più brillanti dell’era digitale”.

Una mente rivoluzionaria

Quasi un (prematuro) premio alla carriera, per i risultati ottenuti prima con PayPal, poi con SpaceX e Tesla, aziende con le quali Musk, che deve ancora compiere 50 anni, “ha rivoluzionato lo stesso concetto di impresa”, sempre per citare Dopfner.

La storia di SpaceX

Il tema della serata della consegna del premio sarà dedicato in particolare alla volontà di Elon Musk di conquistare Marte. Ma non sarà solo la sua voglia di raggiungere (o colonizzare?) un altro pianeta ad animare l’evento. Si porrà l’accento anche sulla sua capacità di innovare sul tema delle automobili, con una forte spinta verso l’elettrificazione che ha costretto gli altri costruttori a inseguire, e sulla ricerca biomedica portata avanti con Neuralink.

E c'è anche Boring Company

Non solo: Elon Musk infatti sta cercando di rivoluzionare anche il mondo del trasporto pubblico sperimentando vari tipi di tunnel sotterranei che permetteranno in futuro di attraversare velocemente le grandi città. Lo sta facendo con la sua Boring Company, che in passato ha prodotto e venduto anche un… lanciafiamme.

Tequila, lanciafiamme e tavole da surf: tutte le pazzie di Elon Musk

Sì, perché se c’è una cosa che a Musk non manca è la fantasia, lo avete capito. Per cui, ogni tanto, si concede qualche estemporanea iniziativa industriale che si conclude quasi sempre con un – manco a dirlo – successo. Qui trovate le cose più strane che ha venduto.

A proposito, sapete che ha disseminato le sue Tesla di Easter egg? Già, navigando tra le funzioni dell’infotainment, premendo una sequenza di comandi o guardando negli angoli più nascosti dell’abitacolo scoprirete contenuti scherzosi, modalità nascoste e piccole sorprese. Un giorno, magari, ne parleremo.