Con un'elaborazione da 35.000 dollari i ragazzi di Unplugged Performance hanno creato una Tesla da record: ecco tutta la storia

Il tuning sulle Tesla non è una novità e lo stesso Elon Musk ha rivelato di apprezzare particolarmente alcune modifiche. In America si trovano molti kit e altrettanti preparatori specializzati. Tra i più noti c'è Unplugged Performance che ha realizzato una vera e propria Model 3 da corsa.

Come va? Di recente è scesa in pista sul circuito di Buttonwillow, in California, e ha fatto il record sul giro davanti a, pensate un po’, una Porsche 911 GT3 RS. Già questa, di per sé, è una notizia. Ma il motivo per cui i ragazzi di Unplugged Performance sono andati a correre è la cosa più succosa di tutta questa storia. Ve la raccontiamo come l’hanno detta loro.

La Pikes Peak nel mirino

“La voglia di correre alla Pikes Peak era tanta, ma a inizio luglio non avevamo ancora un’auto con cui presentarci al via. Abbiamo ugualmente annunciato la nostra partecipazione. Il 17 luglio, poi, siamo andati a comprare una 'normalissima' Tesla Model 3 Performance in concessionaria. Il lunedì gli abbiamo montato il nostro pacchetto Ascension-R. Ci abbiamo messo una settimana e, il venerdì successivo siamo andati a Buttonwillow per i primi test”.

Tesla Model 3 Unplugged Performance

Il resto è storia, nel senso che la Model 3 così preparata ha chiuso il giro in 1’54”266, rifilando 3 secondi alla Porsche GT3 RS che girava in quel momento. Questione di abilità del pilota? Forse, ma il risultato è comunque straordinario.

L’auto però non è ancora pronta per la Pikes Peak. L’elettrica californiana era scesa in pista con gomme di serie e aveva un’elaborazione che le consentiva di circolare su strada. Da qui al 30 agosto, giorno in cui si correrà l’edizione 2020 della famosa salita, riceverà ulteriori messe a punto. A proposito, sarà affidata a Randy Pobst, detto "The Rocket": pilota che in quasi 30 anni di carriera ha vinto una serie infinita di titoli nelle serie americane.

Un tuning da 35.000 euro

Ma torniamo a Buttonwillow, dove un’auto che costa la metà di una 911 GT3 RS si è dimostrata più veloce non in una semplice gara di accelerazione, ma su un tempo sul giro. Il bello è che il kit in questione è regolarmente in vendita Oltreoceano a 35.000 dollari, dove è regolarmente omologato per la circolazione su strada. Modifica powertrain, assetto ed estetica.

Non lasciatevi ingannare dalle appendici aerodinamiche della Model 3 fotografata a Buttonwillow però, perché i clienti sono trattati con maggiore cura e il risultato finale non è così raffazzonato

E il record al Nurburgring?

Prima che la pandemia prendesse il sopravvento, Tesla si era recata in forze al Nurburgring per dare l’assalto al record sul giro riservato alle quattro porte a zero emissioni. Il giro più veloce, ufficialmente detenuto dalla Porsche Taycan Turbo S, sarebbe stato addirittura battuto da una Model S Plaid (l'auto che lo stesso Musk ha definito "fin troppo complicata"), ma non ci sono riscontri certificati.

In attesa di tornare in Germania, la casa di Palo Alto continua però lo sviluppo delle versioni ad alte prestazioni dei suoi modelli di punta (Model S, appunto, e Model X). Potrebbero essere quelli che internamente sono oggetto del lavoro del team che lavora al progetto segreto Palladium, che potrebbe addirittura vedere un profondo aggiornamento dei due modelli.

In ogni caso non vediamo l’ora di rivederle all’Inferno Verde.